Rimedi e soluzioni per contrastare la fame nervosa

di Marina Ottaviani

fame-nervosa-80x600Cari amici, parliamo oggi di una situazione che moltissime persone, donne soprattutto, conoscono bene: quella voglia di cibo che ci prende quando siamo annoiati, stanchi o arrabbiati, in risposta a stimoli che nulla hanno a che vedere con la fame e con il piacere dello stare a tavola.

Si tratta di una reazione immediata ad emozioni che in quel momento non possiamo o non vogliamo esprimere e che tendiamo a tamponare con l’immediata e piacevole ricompensa di sgranocchiare qualcosa. Può essere l’ansia per la telefonata tanto attesa che non arriva, o la rabbia per non aver potuto rispondere per le rime alla collega invidiosa o la stanchezza dopo una mattina di lavoro in cui tutto è andato storto.

Qualora questa reazione diventasse frequente è assolutamente consigliato affidarsi al parere di uno psicologo competente per prevenire l’emergere di un vero e proprio disturbo alimentare.

Se invece vi capita saltuariamente di percepire questa sensazione, ecco qualche consiglio e rimedio pratico da seguire per non farsi sopraffare da questo senso di fame nervosa.

La prima cosa da fare è riconoscere se si tratta di vera e propria fame oppure no. Ci sono infatti dei casi in cui questa sensazione costituisce un segnale chiaro di insufficiente apporto di energia, che può capitare se stiamo seguendo una dieta troppo rigida.

Può succedere anche che i pasti siano troppo distanziati tra loro. In questo caso occorre riprogrammare le nostre abitudini inserendo dei piccoli spuntini per evitare momenti di ipoglicemia.

Ma qual è quindi lo spuntino più adatto in questi casi?

Evitate di assumere dolci! In questo modo eviterete i picchi di glucosio nel sangue che vi lascerebbero più affamati di prima.

Lo spuntino consigliato è un mix di carboidrati complessi con fibre, proteine, grassi ed eventualmente pochi zuccheri semplici.
Ideale è una fetta di pane integrale con olio e verdure oppure con poco formaggio o prosciutto, un biscotto integrale con 2 cucchiai di yogurt o latte di soia, o un cucchiaio di semi di girasole con un cracker integrale e una carota.
Se la voglia di dolci è proprio grande, potete soddisfarla con un pezzetto di cioccolata fondente da 10-15 g che, grazie a magnesio e triptofano, agisce sul vostro umore ristabilendone il giusto tono.
Perfette anche piccole quantità di frutta seccata come prugne o uvetta e qualche mandorla.

Se invece capita che mentre studiate o fate lavori domestici noiosi vi troviate sempre vicino al frigo, la cosa migliore è sfruttare le verdure che possono essere sgranocchiate crude, tipo sedano, carote, finocchio, insalata belga.
Masticare è un’attività molto importante per scaricare la tensione, in più le fibre riempiono lo stomaco e molto poche sono le calorie assunte.

Per gli amanti delle tisane, può funzionare bere qualcosa di caldo: scegliere e preparare la giusta tisana vi distrarrà e vi riempirà momentaneamente lo stomaco.

Meglio non esagerare con il caffè: al momento sembrerà togliervi la fame, ma potrà poi causarvi un fastidioso senso di vuoto allo stomaco.

Ad ogni modo, ricordate che ci sono anche piacevoli soluzioni non legate al cibo che aiutano a contrastare la fame nervosa, come telefonare ad un’amica,rilassarsi ascoltando un po’ di musica, lavarsi i capelli e, se è possibile, uscire di casa. Qualora gli attacchi di fame fossero ripetuti vi consiglio di prendere nota su un diario del momento del giorno in cui avvengono, è importante per capire se sono in relazione a particolari stati fisici , ormonali o emotivi così da poterli affrontare al meglio.

Ti piace questo post?

Potrebbero interessarti anche

santiago de compostela

Tapas e tappe (gluten free) del cammino di Santiago – PARTE II

Prosegue il mio tour verso Santiago: dopo la I° parte trascorsa tra le città di Astorga, Burgos, León e Logroño, ecco altre informazioni e curiosità per gli amici di Nutriblog. ll percorso è lungo ma paesaggi, cittadine, persone conosciute e indimenticabili tramonti lo rendono unico e speciale. In fondo, GLUTENFREE...

Leggi
cammino di santiago

Tapas e tappe (gluten free) del Cammino di Santiago – PARTE I

Per ritrovare se’ stessi, per mettersi alla prova, per motivi religiosi o per ammirare paesaggi straordinari: sono molte le ragioni per intraprendere questo percorso. Chi scrive non è un pellegrino ma ha visitato le città spagnole e i luoghi più significativi, incontrando persone e lodando il coraggio degli intrepidi camminatori. Ecco...

Leggi
berlino senza glutine

Berlino senza glutine

Innovazione e infrastrutture si integrano alla perfezione con storia e cultura. Creatività e design attirano i giovani da tutta Europa: benvenuti a Berlino. Un’officina d’idee, sperimentazioni e tendenze: niente a che vedere con la città austera e “fredda” che alcuni – ahimè – descrivono. Anche se non siamo ai...

Leggi

Chi scrive

Andrea Colombo

Andrea

Food Reporter

Accedi alla scheda
autore

Le Blogger

Food Blogger

Accedi alla scheda
Marina-ottaviani—nutriblog

Marina Ottaviani

Nutrizionista

Accedi alla scheda

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle nostre buone novità senza glutine.

Privacy:

La parola del momento

#Portamiconte