Prendila con fibre

di Marina Ottaviani

prendila-con-fibre

Le farine e i cereali più comunemente usati nella dieta senza glutine (riso e mais) sono fra i meno ricchi di fibre. Questa caratteristica, associata alla significativa quantità di amidi (utili per le proprietà addensanti) dei prodotti privi di glutine, comporta una maggiore attenzione da parte di chi segue una dieta senza glutine ad assicurare al proprio organismo un’adeguata e costante introduzione di fibre, capaci di svolgere un’azione protettiva sull’intestino, favorire la sua funzionalità e modulare il carico glicemico derivante dalla presenza di amidi e zuccheri, evitando così lo sviluppo di squilibri nutrizionali e metabolici quali iperglicemia, sovrappeso, obesità, dislipidemie.
Le fibre, solubili e insolubili, sono importanti componenti della dieta di ogni giorno, infatti, non essendo immediatamente ed interamente digeribili arrivano integre sino all’intestino svolgendo un ruolo di fondamentale importanza per il benessere generale dell’organismo. Tutti gli alimenti di origine vegetale contengono fibre: le fibre insolubili si trovano principalmente in alcuni tipi di verdure ed ortaggi (broccoli, carciofi) e nei cereali integrali; quelle insolubili in frutta e legumi.

Fanno bene perché:
 – Aumentano il senso di sazietà
 – Agiscono sull’assorbimento di grassi e zuccheri
 – Contribuiscono a contenere il livello di colesterolo e trigliceridi
Le fibre solubili rallentano lo svuotamento gastrico e interferiscono con l’assorbimento dei macronutrienti (glucidi e lipidi), diminuendo la risposta insulinica e riducendo i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue (colesterolemia e trigliceridemia).
Favoriscono la regolarità intestinale
Mentre le fibre insolubili hanno un effetto di “massa e volume”, le fibre solubili, assorbendo molta acqua e formando materiale viscoso, rendono le feci più morbide e stimolano la velocità del transito a livello intestinale. Una corretta combinazione dei due tipi di fibra permette di mantenere in equilibrio la motilità intestinale (peristalsi).
Hanno un effetto disintossicante sull’organismo
Le fibre riducono il ph intestinale, rendendo più ostile l’ambiente ad eventuali patogeni, inoltre trattenendo acqua, permettono di diluire le sostanze tossiche e di aumentare la velocità del transito intestinale, diminuendo così il contatto fra le tossine e la mucosa intestinale.
Hanno un effetto prebiotico sulla microflora intestinale
Le fibre stimolano la crescita di specie batteriche ad azione probiotica favorendo l’equilibrio della microflora intestinale.
Svolgono un’azione protettiva sull’apparato intestinale
Un adeguato apporto di fibra alimentare svolge un’azione protettiva nei confronti dell’apparato intestinale e contribuisce a prevenire e, in alcuni casi, a curare condizioni ai limiti con la patologia quali dislipidemie lievi, diverticolosi del colon, stitichezza, sovrappeso, o altre situazioni patologiche come la malattia coronarica, l’aterosclerosi, il diabete, l’obesità e altre malattie dismetaboliche, i tumori maligni del grosso intestino, la calcolosi della cistifellea, etc.

Scopri come introdurre le fibre nella dieta >

 

 

Ti piace questo post?

Potrebbero interessarti anche

santiago de compostela

Tapas e tappe (gluten free) del cammino di Santiago – PARTE II

Prosegue il mio tour verso Santiago: dopo la I° parte trascorsa tra le città di Astorga, Burgos, León e Logroño, ecco altre informazioni e curiosità per gli amici di Nutriblog. ll percorso è lungo ma paesaggi, cittadine, persone conosciute e indimenticabili tramonti lo rendono unico e speciale. In fondo, GLUTENFREE...

Leggi
cammino di santiago

Tapas e tappe (gluten free) del Cammino di Santiago – PARTE I

Per ritrovare se’ stessi, per mettersi alla prova, per motivi religiosi o per ammirare paesaggi straordinari: sono molte le ragioni per intraprendere questo percorso. Chi scrive non è un pellegrino ma ha visitato le città spagnole e i luoghi più significativi, incontrando persone e lodando il coraggio degli intrepidi camminatori. Ecco...

Leggi
berlino senza glutine

Berlino senza glutine

Innovazione e infrastrutture si integrano alla perfezione con storia e cultura. Creatività e design attirano i giovani da tutta Europa: benvenuti a Berlino. Un’officina d’idee, sperimentazioni e tendenze: niente a che vedere con la città austera e “fredda” che alcuni – ahimè – descrivono. Anche se non siamo ai...

Leggi

Chi scrive

Andrea Colombo

Andrea

Food Reporter

Accedi alla scheda
autore

Le Blogger

Food Blogger

Accedi alla scheda
Marina-ottaviani—nutriblog

Marina Ottaviani

Nutrizionista

Accedi alla scheda

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle nostre buone novità senza glutine.

Privacy:

La parola del momento

#Portamiconte